Benvenuti a Free Private Cities.
La mia proposta per lo sviluppo futuro della convivenza umana.

I sistemi convenzionali stanno ovviamente raggiungendo i loro limiti nel 21° secolo. Ma c’è un’alternativa pacifica e, soprattutto, volontaria: Città Private Libere.
Titus Gebel

Il problema dei nostri sistemi sociali

I sistemi attuali offrono incentivi a chi è al potere per arricchire se stesso e i suoi simpatizzanti a spese della società, per sprecare il denaro altrui per aumentare la propria fama e per comprare voti attraverso benefici che si suppone siano gratuiti. Il cosiddetto contratto sociale può essere modificato dal governo con la sua maggioranza parlamentare de facto a volontà.

Ma non c’è modo di aggirare questa premessa: un sistema che sia in qualche modo legittimo, che per legge preveda espropri a favore di altri (ad esempio sotto forma di tasse e contributi sociali) e che non tutti gli interessati abbiano concordato in anticipo, non può, a lungo termine, creare una convivenza che non sia né pacifica né prevedibile. Distrugge le basi e i risultati della cooperazione volontaria attraverso il potere dello Stato. Così, distrugge successivamente ciò che rende una società di successo e attraente e porta a una battaglia di tutti contro tutti per l’applicazione di norme favorevoli.

È quindi giunto il momento di introdurre nuovi prodotti nel “mercato della convivenza”.

La soluzione: Città Private Libere

Ora immaginate un sistema in cui un’azienda privata come ” prestatore di servizi governativi” offre protezione della vita, della libertà e della proprietà. Questo servizio comprende la sicurezza interna ed esterna, un quadro giuridico e normativo e la risoluzione indipendente delle dispute. Per questi servizi si paga un importo fisso per contratto all’anno. Inoltre, vi occupate di tutto il resto da soli, ma potete anche fare quello che volete, limitati solo dai diritti degli altri e dalle regole di convivenza concordate contrattualmente.

Il fornitore di servizi governativi, in qualità di operatore della comunità, non può modificare unilateralmente questo “contratto cittadino” con voi in seguito. Le controversie tra voi e il fornitore di servizi governativi saranno giudicate da tribunali arbitrali indipendenti, come è consuetudine nel diritto commerciale internazionale. Se l’operatore ignora i lodi arbitrali o abusa del suo potere in qualsiasi altro modo, i vostri clienti se ne andranno e falliranno. Pertanto, egli ha un rischio economico proprio e quindi un incentivo a trattare bene e in conformità con il contratto i suoi clienti.

Com’è la vita quotidiana in una Città Privata Libera?

Naturalmente non sono vietati fornitori di servizi innovativi come Uber e Airbnb. Ci sono imprenditori privati che si occupano di tutto, dagli ospedali, alle scuole e agli asili alla raccolta dei rifiuti. Se lo si desidera, i residenti possono assicurarsi in particolare contro tutte le eventualità della vita o creare gruppi di auto-aiuto, sia per proteggersi da malattie, morte, necessità di trattamento o incidenti. Chiunque può offrire nuovi prodotti e servizi senza autorizzazione o licenza ed essere pagato nella valuta desiderata, incluso il Bitcoin. Vi è anche l’uso per i lavoratori non qualificati – per la mancanza di regolamenti sul salario minimo. Nuovi farmaci e metodi di trattamento sono a disposizione di qualsiasi adulto che voglia testarli con la conoscenza del rischio potenziale. Le limitazioni ambientali si applicano solo a prodotti e processi veramente pericolosi, come determinato da una seria ricerca scientifica. Il crimine e il vandalismo non esistono quasi mai; potete anche lasciare i vostri figli per strada di notte senza preoccuparvi di loro.

Le persone non sono istigate l’una contro l’altra dalla politica, che non ha più un ruolo significativo. Non esiste un parlamento o una banca centrale, ma un’autodeterminazione completa. A causa della bassa densità di regolamentazione, i residenti producono molte innovazioni e raggiungono un alto livello di produttività. Poiché prevale il libero scambio, e tutti possono importare tutto in esenzione d’imposta e non vengono pagate tasse oltre il contributo annuale, anche coloro che ricevono un reddito basso hanno un alto tenore di vita.

Poiché né la valuta né i tassi d’interesse possono essere manipolati dal governo, il potere d’acquisto dei residenti è in costante aumento. Il sistema pensionistico può essere pianificato e autorizzato ad andare in pensione ogni volta che l’interessato ritiene sufficiente il livello raggiunto.

L’attivismo politico, lo zelo missionario, le lotte distributive e l’agitazione dei gruppi sociali l’uno contro l’altro praticamente scompaiono. I residenti sanno che non possono interferire con i contratti dei loro concittadini e rispettano le diverse opinioni e valutazioni reciproche. Le persone hanno di nuovo la responsabilità di aiutarsi da sole e sono quindi automaticamente più sicure di sé, più stabili e più realistiche nelle loro valutazioni. Dopo due generazioni al massimo, la Città Privata Libera sarebbe più ricca, più libera e più pacifica di tutto ciò che abbiamo conosciuto finora.

Come possono diventare realtà le Città Private Libere?

L’istituzione di una Città Privata Libera richiede un accordo contrattuale con uno Stato esistente. Con questo contratto, la Nazione ospitante concede alla società operativa il diritto di stabilire la Città Privata Libera in un territorio definito secondo le condizioni concordate. Ma perché gli Stati esistenti dovrebbero essere d’accordo?

Come in tutte le transazioni di baratto, c’è un solo motivo: i propri interessi. Gli Stati possono accettare di rinunciare ad alcuni dei loro poteri in un determinato territorio se si aspettano dei benefici da esso. Si deve quindi creare una situazione vantaggiosa per tutti. L’istituzione di Città Private Libere in aree strutturalmente deboli non solo aumenta l’attrattiva della regione circostante, ma crea anche posti di lavoro e investimenti nella regione, a tutto vantaggio dello Stato ospitante.

Utopia o modello di business?

In una Città Privata Libera, tutti sono sovrani di se stessi che, per accordo volontario, hanno stipulato un vero e proprio contratto con un fornitore di servizi, il Contratto del Cittadino. Entrambe le parti hanno gli stessi diritti formali e sono quindi legalmente su un piano di parità. Il rapporto tra autorità e subalterno è sostituito dal rapporto tra cliente e fornitore di servizi. A differenza dei sistemi convenzionali, in cui il cittadino è obbligato a pagare le tasse senza avere il corrispondente diritto alle prestazioni, in una Città Privata Libera i servizi e il corrispettivo sono direttamente correlati. Entrambe le parti contraenti hanno il diritto di adempiere al contratto, cioè il gestore può richiedere il pagamento del contributo fisso al cittadino contraente, ma senza costi aggiuntivi. A sua volta, il cittadino può citare in giudizio l’operatore per l’adempimento dei suoi obblighi contrattuali, ad esempio per garantire la sicurezza e un sistema di diritto civile funzionante. Chi è attualmente responsabile della società operativa o a cui appartiene non è rilevante per il funzionamento del modello.

Una Città Privata Libera non è quindi un’utopia, ma un’idea di business i cui elementi funzionali sono già noti e che devono essere trasferiti solo in un altro settore, quello della convivenza.

In sostanza, come fornitore di servizi, l’operatore fornisce solo la struttura in cui la società può svilupparsi apertamente nel senso di un “ordine spontaneo” (Hayek).

Una volta stabilite la prima Città Privata Libera, emergerà una classe di attività completamente nuova e altamente redditizia. Questo perché sia il software, cioè la struttura legale e contrattuale, sia l’hardware, cioè il master plan e l’infrastruttura, possono essere riutilizzati ogni volta che è necessario e adattati in tutte le direzioni.

Abbiamo fondato una società chiamata Tipolis per implementare questo progetto, e stiamo attualmente lavorando su un modello standard riutilizzabile per le Città Private Libere sotto il titolo “Prosperity Zones”. Se volete saperne di più sulle opportunità di investimento disponibili, contattateci all’indirizzo [email protected]

TIPOLIS può anche aiutare chiunque voglia creare una Città Private Libere o una zona speciale.

Dove posso ottenere maggiori informazioni?

Le domande più frequenti (FAQs) sono elencate qui. Il nostro blog offre ulteriori informazioni su questo argomento. Se siete interessati, sicuramente dovreste dare un’occhiata al mio libro.

Titus Gebel – Città Private Libere: Rendere i governi competenti per voi

Il nuovo libro di Titus Gebel sulle Città Private Libere presenta le basi teoriche, esamina esempi passati e presenti e fornisce consigli pratici sulla costruzione di una Città Privata Libera nel mondo reale. E’ una lettura obbligata per chiunque voglia entrare in questo nuovo mercato o sia interessato al concetto di Città Privata Libere e alle alternative ai sistemi politici tradizionali.

La prima parte del libro tratta di questioni fondamentali che ogni ordine sociale deve affrontare. Da ciò deriva il concetto di Città Privata Libera descritto nella seconda parte; si tiene conto anche dei modelli storici e attuali. La terza parte discute questioni concrete sull’attuazione nella creazione di Città Private Libere. Infine, la quarta parte offre una prospettiva sugli sviluppi futuri.

Il libro è disponibile in formato físico e anche come e-book su Amazon.

Disponible su Amazon
Copertina del libro - Free Private Cities

Come posso appoggiare le Città Private Libere?

Spargete la voce

Nel mercato della coesistenza, Free Private Cities è attualmente l’unica alternativa non totalitaria alle democrazie occidentali. Una volta che l’idea è nella mente della gente non svanirà. Ecco perché è così importante diffondere il concetto. Le Città Private Libere sono anche un’opportunità per i Paesi emergenti e in via di sviluppo di riprendere più rapidamente la crescita, contribuendo così a mitigare la crisi migratoria.

Il modo più semplice per tutti di sostenere l’idea è quello di collegarsi al website, al libro e ai nostri video o articoli del blog nei loro social media. Anche la valutazione del libro su Amazon e Goodreads aiuta. Inoltre, potete indossare i nostri prodotti se volete mostrare il vostro supporto all’idea.

Ritrovando un posto

Tutti gli interessati devono iscriversi alla newsletter. Vi preghiamo di discuterne con le persone che conoscete che hanno una visione o un’influenza sulle politiche del Paese e di dirci quali di questi punti sono fattibili.

I piani futuri per la creazione di una Città Privata Libera potranno essere fatti una volta che queste domande avranno ricevuto una risposta.

Vivere o investire

Chiunque sia interessato ad investire, risiedere o fondare un’azienda in una Città Privata Libera può iscriversi alla nostra newsletter nella pagina a piè di pagina, che riporta trimestralmente le ultime notizie sull’istituzione di città private e di aree speciali.

Inoltre, stiamo cercando almeno un ambasciatore in ogni Paese, che propaghi le idee e che abbia idealmente contatti in politica. Questa persona sarebbe anche il contatto locale per le parti interessate.

I candidati interessati devono prima leggere i requisiti e poi contattarci utilizzando il nostro modulo di contatto. Per evitare inutili resistenze, può essere opportuno designare il progetto come “Special Economic Zone Plus”, “Innovation Zone”, “Prosperity Zone” o simili.